entra in:

   Via Islanda, 1/3 - Brindisi      0831.575454            


entra in:

   Via Islanda, 1/3 - Brindisi
   0831.575454
         

Modello IVA 2020, Intrastat e LIPE al 30 giugno 2020

Sospesi gli adempimenti IVA in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020, che dovranno essere effettuati entro il 30 giugno, senza applicazione di sanzioni. La sospensione, prevista dal decreto Cura Italia, per i soggetti con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio dello Stato, riguarda nello specifico:

– la trasmissione telematica della dichiarazione IVA relativa all’anno 2019 (modello IVA 2020), in scadenza il 30 aprile 2020, e di tutti gli adempimenti connessi come, per esempio, gli eventuali ravvedimenti operosi, la richiesta del rimborso dell’eccedenza detraibile e la prestazione delle garanzie;

– la trasmissione telematica delle istanze per il rimborso o la compensazione del credito IVA del primo trimestre 2020 (modello TR), in scadenza il 30 aprile 2020;

– della trasmissione telematica della comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche relative al primo trimestre 2020, in scadenza l’1° giugno 2020, cadendo il 31 maggio 2020 di domenica;

– la trasmissione telematica degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (modelli INTRASTAT) aventi periodicità mensile o trimestrale, rispettivamente per gli elenchi relativi:

        a) ai mesi di febbraio, marzo e aprile 2020, in scadenza il 25 marzo 2020, il 27 aprile 2020 e il 25 maggio 2020;

        b) al primo trimestre 2020, in scadenza il 27 aprile 2020;

– della trasmissione telematica della comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere (esterometro”) relative al primo trimestre 2020, in scadenza il 30 aprile 2020.

Resta, possibile, comunque eseguire spontaneamente gli adempimenti oggetto di rinvio prima del 30 giugno 2020, sia pure dopo la scadenza ordinaria, senza incorrere in sanzioni.

 

Dalla suddetta sospensione rimangono escluse le seguenti scadenze:

– gli adempimenti relativi ai versamenti delle imposte e all’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, per i quali sono previste disposizioni ad hoc;

–  gli adempimenti collegati alla predisposizione della dichiarazione precompilata (ad esempio, certificazioni uniche), per i quali opera il differimento previsto dall’art. 1 del D.L. n. 9/2020.